Mobili

rapporti paese

distribuzione

imbottiti

materassi

Contract & design

ufficio

cucina

bagno

esterni DIY

elettrodomestici

illuminazione

English

Un Contratto Tipo e un Codice Etico per acquisti sicuri e trasparenti di mobili

19 Febbraio 2018, Milano, Palazzo dei Giureconsulti

 slide-acquisti-sicuri-online

Presentato a Milano lunedì 19 febbraio 2018 al Palazzo Giureconsulti il Contratto Tipo per l'acquisto dei mobili in negozio e online e il Codice Etico di Federmobili. L'evento ha visto la partecipazione della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, di Federmobili e di Associazioni lombarde dei Consumatori.

CSIL ha preso parte ai lavori, che si sono focalizzati sulla necessità di norme operative nelle transizioni di vendita di mobili-arredamento in negozio e online e su 'linee-guida' che possano regolamentare in modo equilibrato e funzionale il rapporto esistente fra acquirente e venditore.

Il 'Contratto Tipo' costituisce uno step successivo rispetto alle 'linee-guida'. E' uno strumento di lavoro, ma anche uno strumento di marketing – ha sottolineato Mauro Mamoli, Presidente di Federmobili. Può contribuire a far crescere la rete della distribuzione indipendente e a valorizzare i servizi offerti dal rivenditore di mobili, sia in negozio che online. Sono servizi che hanno un valore e devono essere opportunamente quantificati.

Federmobili si propone di diffondere questo Contratto Tipo che viene adottato su base volontaria) con la collaborazione delle Camere di Commercio/Unioncamere su tutto il territorio nazionale. L'iniziativa sarà presentata nel corso di un convegno al prossimo Salone del Mobile di Milano (17-22 Aprile 2018).

Anche ai produttori di arredamento che fanno capo a FederlegnoArredo/Assarredo verrà chiesto di collaborare alla diffusione del Contratto Tipo presso la rete dei propri rivenditori. Le Associazioni dei Consumatori saranno a loro volta sensibilizzate verso questo strumento, che garantisce maggiore chiarezza e trasparenza nel processo di acquisto di mobili.

Particolare attenzione va data alle differenze che esistono fra l'acquisto di persona in negozio e l'acquisto on line, perchè diverse sono le regole esistenti in questi due 'mercati' relativamente alla proposta di acquisto (pulsante 'concludi e paga'), alle modalità di consegna, alla verifica dei prodotti, etc. Per l'online vale la legge dei 14 giorni di diritto di recesso e questo implica un corretto calcolo del rischio da parte del rivenditore in fase di proposta di acquisto.

Piùin generale, un altro argomento 'sensibile' è quello del 'livello di personalizzazione' del bene venduto. I margini di tolleranza e di conformità rispetto ai colori e/o ai disegni devono essere chiari per evitare contestazioni. La regola generale è che 'chi sbaglia paga' (nel caso di misure sbagliate, colori non corretti, difformità da ricondurre a imprecisioni alla fonte).
Va esplicitato l'eventuale ritiro RAEE (Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche).

In ogni caso, la risoluzione delle eventuali controversie deve preferibilmente ricorrere a strumenti alternativi, ovvero a mezzi di risoluzione stragiudiziale (al di fuori della giustizia ordinaria) ricercando ove possibile la conciliazione, in alternativa alla archiviazione o alla applicazione di sanzioni.

 

top